sabato , 26 Settembre 2020

GIORNALI E TV REGIONALI

“Alleluja!” International Web Meeting

“Alleluja!” International Web Meeting

La speciale iniziativa in digitale del RnS in programma dalla Sede nazionale di Roma 
Sabato 26 e domenica 27 settembre 2020
NUOVO Banner Web Meeting + LOGO - Clicca per ingrandire...Una grazia da condividere e un modo per far conoscere e diffondere l’esperienza e la corrente di grazia del Rinnovamento nello Spirito Santo. Questo sarà l’“Alleluja! International Web Meeting”, il grande evento internazionale di preghiera e di evangelizzazione in programma sabato 26 e domenica 27 settembre – in tre sessioni – presso la Sede Nazionale di via degli Olmi in Roma.

Il titolo scelto intende riassumere il senso del cammino e della fede carismatica che da sempre caratterizza il Movimento attraverso un evento che, in formula digitale e attraverso le potenzialità della Rete, nel pieno rispetto nelle normative anti assembramento, si apre al mondo, permettendo di stare in comunione in questo tempo di prova segnato dal Covid-19.

Il Web Meeting non si svolgerà in una fiera o in uno stadio, bensì nel giardino della “casa” del RnS. La novità di questa iniziativa, rivolta principalmente agli aderenti (in particolare ai Cenacoli, ai Gruppi e alle Comunità), consiste proprio nella location, che tutti potranno visitare grazie ai media e ai dispositivi tecnologici, a partire dal nuovo sito che verrà varato per l’occasione e dai canali Social ufficiali: YouTube – Facebook – Twitter – Instagram – Telegram.

Prevista una quota straordinaria di partecipazione, una parte della quale andrà a sostenere uno specifico progetto di supporto al disagio sociale provocato dal covid-19 e creato a vantaggio delle famiglie.

 

Di seguito le prime note sul Programma della due giorni:

 

Sabato 26 settembre 2020

 

Il Web Meeting si aprirà alle ore 16.30, con i saluti introduttivi e l’Atto di Affidamento dall’Edicola della Madonna e la dedicazione della stessa alla “Vergine dalle mani alzate” da parte di S. E. Card. Angelo De DonatisVicario generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma.

 

Seguiranno l’intronizzazione della Parola e l’invocazione dello Spirito Santo.

 

Alle ore 17.20 sarà Padre Marko Rupnik s.j., Teologo e Artista, a tenere la prima Predicazione.

 

Subito dopo è prevista una “Mistagogia dell’Alleanza”.

 

Alle ore 19.00 spazio all’”Alleluja Festival – Lode e adorazione all’unico Dio. Una sola umanità, una fraternità universale”, con musica ecumenica e interreligiosa registrata da ogni parte del mondo.

Si esibiranno: Cattolici: Servizio Nazionale della Musica e del Canto del RnS (Italia) – Rex Band (India) – Trofèu Louvemos o Senhor – Rede Sèculo 21 (Brasile); Ortodossi: il soprano Svetlana Kasyan (Russia); Evangelici: Don Moen (USA) – Darlene Zschech (USA); Ebrei e Musulmani: due artisti in rappresentanza delle due religioni monoteiste.

 

 

Domenica 27 settembre 2020

 

Alle ore 9.30, dopo i saluti e la Preghiera comunitaria carismatica, è prevista – live – la “Marcia di lode”, cui seguirà l’invocazione dello Spirito Santo.

 

La seconda Predicazione sarà curata da Don Fabio Rosini, Direttore del Servizio per le Vocazioni della Diocesi di Roma.

 

Alle ore 12.00, Cultura della Pentecoste, che si compone di due momenti:

– L’Alleluja della “comunione”, con messaggi di saluto da parte delle massime Autorità ecclesiali della Chiesa cattolica. Tra questi: S. Em. Card. Gualtiero Bassetti; S. Em. Card. Angelo Bagnasco; S. Em. Card. Angelo Comastri; S. E. Mons. Rino Fisichella; S. E. Mons. Pierbattista Pizzaballa.

– L’Alleluja della “testimonianza”, con l’intervento di leader della società civile, imprenditori e testimoni di altre confessioni religiose a raccontare, con storie di vita nuova e fede carismatica, la vittoria di Dio nel tempo del coronavirus. Numerosi i Paesi coinvolti: Italia, USA, Brasile, Messico, Corea del Sud, Cina, Israele, Egitto-Emirati Arabi, Arabia Saudita, Serbia, Albania, Sudan, Libano.

 

Nel pomeriggio, dopo l’introduzione, la lode corale e l’invocazione dello Spirito Santo, sarà Salvatore Martinez, Presidente del RnS, a tenere la terza e ultima Predicazione.

 

Quindi, si svolgerà il Roveto Ardente di guarigione e liberazione, con la Processione del Santissimo Sacramento dalla Cappella della Sede all’Edicola “Vergine dalle mani alzate” e l’Adorazione.

 

Il momento successivo e conclusivo, con la Preghiera Ecumenica per l’Europa, vedrà coinvolti 5 Vescovi e Pastori che, dai 4 punti cardinali del Continente, passando per il centro, tracceranno una croce pregando per una nuova effusione dello Spirito, causa di nuova unità e di una nuova stagione di evangelizzazione.

Nello specifico: per il Nord Europa compirà il gesto un Vescovo luterano della Norvegia; per il Centro Europa il Pastore Peter Dippl dalla Germania; per il Sud Europa S. E. Card. Francesco MontenegroArcivescovo Metropolita di Agrigento; per l’Est Europa S. Em. Fokin Pavel Semyonovich, Metropolitan of Khanty-Mansi e Surgut (Siberia); per l’Ovest Europa S. Em. Card. Manuel Josè Macário do Nascimento Clemente, Patriarca di Lisbona.

 

L“Alleluja! International Web Meeting” terminerà con la preghiera conclusiva e l’invocazione dello Spirito sull’Europa.

 

APPROFONDIMENTI E MATERIALI DISPONIBILI:

 

Recovery Fund, De Palo: “Su 309 miliardi impossibile non trovare 10-15 miliardi di euro per l’assegno unico. Basta scuse: diamo ai figli ciò che spetta loro”

Recovery Fund, De Palo: “Su 309 miliardi impossibile non trovare 10-15 miliardi di euro per l’assegno unico. Basta scuse: diamo ai figli ciò che spetta loro”

Su 309 miliardi di euro complessivi, tra i 209 del Recovery Fund e i 100 miliardi già stanziati per i decreti dell’emergenza Covid-19, non è credibile che oggi non si trovino 10-15 miliardi di euro necessari a far partire subito l’assegno unico e universale per ogni figlio. Leggiamo che il Governo avrebbe già pronti da stanziare, proprio attraverso il Recovery Fund, 10 miliardi di euro per i pagamenti elettronici in tre anni e altri 10 per la riscossione delle multe in due anni. Non facciamo scherzi: questa volta i soldi ci sono e non accetteremo scuse del tipo ‘l’assegno unico lo faremo in vari step’. Stiamo sentendo da varie parti politiche qualcuno che dice di mettere 3 miliardi quest’anno, 3 miliardi il prossimo e così via. O si decide d’investire immediatamente e realmente sulle famiglie con l’assegno, oppure ci stiamo prendendo tutti quanti in giro. O si dà ai nostri figli ciò che ovunque spetta loro, tenuto conto anche del fatto che il piano europeo si chiama ‘Next Generation EU’ e che le somme stanziate sono a deficit – cioè sulla testa dei nostri figli –, oppure sarà inevitabile assistere al crollo definitivo del Paese”: così il presidente nazionale del Forum delle associazioni familiari, Gigi De Palo.

 

 

COMUNICATI STAMPA

Settembre, 2020