martedì , 12 dicembre 2017
Home / Articoli / Tutore volontario dei minori non accompagnati: una figura necessaria. Ecco come diventarlo

Tutore volontario dei minori non accompagnati: una figura necessaria. Ecco come diventarlo

L’art. 11 della legge 7 aprile 2017, n. 47 istituisce la figura del tutore volontario dei minori non accompagnati. La selezione e la formazione degli aspiranti tutori è affidata ai garanti regionali per l’infanzia e l’adolescenza. Per le regioni in cui non è stato nominato il garante, tali compiti sono attribuiti temporaneamente all’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza.

L’Autorità è chiamata quindi ad agire nell’ambito di tre regioni: Abruzzo, Sardegna, Toscana. Anche la Valle d’Aosta è priva di garante regionale; tuttavia, a seguito di apposita delega, le funzioni di cui sopra sono state attribuite alla garante del Piemonte.

Il 12 luglio u.s. sul sito dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza è stato pubblicato l’avviso pubblico di selezione degli aspiranti tutori volontari dei minori non accompagnati nelle suddette regioni.

Il link è il seguente:

http://www.garanteinfanzia.org/news/minori-stranieri-non-accompagnati-bando-diventare-tutore-volontario

Per la Campania invece il bando per concorrere alla selezione è incluso nel link:

http://www.consiglio.regione.campania.it/garanteinfanzia

Si tratta di una iniziativa di cittadinanza attiva di fondamentale importanza, che va incoraggiata e diffusa anche e soprattutto per arginare un’emergenza umanitaria sempre maggiormente avvertita nel nostro Paese, quella, cioè, di garantire ai minori stranieri non accompagnati di avere un’adeguata tutela.