giovedì , 20 giugno 2019
Home / Articoli / No alla fecondazione assistita a carico della Sanità Regionale. La genitorialità è un dono

No alla fecondazione assistita a carico della Sanità Regionale. La genitorialità è un dono

NOTA STAMPA CONGIUNTA

Il Movimento per la Vita Regione Campania, l’Associazione Progetto Famiglia, l’Ai.Bi Amici dei Bambini, l’MCL Regione Campania, le ACLI Campania, La Svolta Onlus, l’Accademia della Famiglia e il Forum delle Associazioni Familiari della Campania esprimono con fermezza la propria contrarietà alla decisione del Governatore De Luca di allocare le già ridotte risorse economiche pubbliche per finanziare la fecondazione assistita eterologa e la diagnosi genetica dell’embrione prima dell’impianto.

Tali tecniche risultano inaccettabili dal punto di vista etico perché ledono la dignità della donna e il diritto alla vita degli embrioni. Va fortemente condannata la selezione degli embrioni prima dell’impianto perché consiste in una deriva di carattere eugenetico che porta verso la selezione di una “persona perfetta” come ci ricordano gravi vicende della storia recente. La Sanità in Campania vive mille difficoltà di vario genere con liste di attesa abnormi per l’accesso ai servizi di riabilitazione fisica e psicologica, per la mancanza di personale e di attrezzature adeguate e merita una visione complessiva sensibile alle priorità e ai valori etici.

La paternità e la maternità non possono essere considerati un diritto ma un dono che può essere rappresentato dall’ adozione o dall’affido delle migliaia di bambini abbandonati e adottabili. Nel mondo vi sono circa 140 milioni di bambini che aspettano una famiglia, e anche in Italia ci sono tanti minori fuori famiglia che si trovano in strutture di accoglienza, mentre potrebbero essere accolti in famiglie con il sostegno alle politiche dell’affido e dell’adozione.

Ci auguriamo che ci sia un cambio di rotta incentivando economicamente ed organizzativamente l’istituzione dell’affido e delle adozioni.

Ci appelliamo anche ai Consiglieri regionali per imprimere un’azione politica e sociale affinché questa norma venga rivista nell’ambito più ampio delle attività in favore delle famiglie e delle coppie senza figli.