giovedì , 23 maggio 2019
Home / Articoli / IO, BIMBO STRANIERO ADOTTATO

IO, BIMBO STRANIERO ADOTTATO

Scuola, il mio ingresso in società

Aiutare un bambino straniero adottato a inserirsi nella società: non è solo compito d’amore della famiglia. La scuola, per la quale sono state varate precise linee guida del MIUR (per scaricarle, clicca qui), è il primo luogo dove i bambini adottati sperimentano l’incontro con la nuova comunità in cui vivranno. Non è una sfida facile, soprattutto se la guardi con gli occhi di un bambino.

IL MOMENTO DEL DISAGIO

“E ora che scrivo? La maestra ci ha chiesto di fare l’albero… come si dice… genealogico. Dobbiamo mettere mamma e papà, i nonni, gli zii, i fratelli per scrivere la nostra storia da quando siamo nati. Ma quando sono nato io, non c’era nessuno, neanche mamma ancora. Io non sono nato dalla sua pancia. Quando le ho chiesto perché sono suo figlio anche se non sono nato dalla sua pancia, lei mi ha detto: «Sei nato da me. Non dalla pancia, ma dal mio cuore». Mi ha abbracciato, è stato bello. Ma cosa ne sanno gli altri?”.

I BISOGNI DA SODDISFARE

Joaquim ha 10 anni e frequenta la terza elementare. Viene dal Brasile ed è in Italia da quando, 4 anni fa, i genitori adottivi finalmente sono riusciti a dargli l’amore di una famiglia. Ma non basta. È necessario che la scuola sia pronta a coglierne e soddisfarne i bisogni: dallo sforzo di apprendere la lingua scolastica (diversa da quella quotidiana) all’elaborazione dell’abbandono subito, dall’accoglienza in classe, dove la percezione della differenza dei tratti fisici va considerata un arricchimento e non un elemento di estraneità, all’attenzione con cui trattare tematiche ‘sensibili’.  Oggi Joaquim ha provato un disagio. Cosa fare?

FORMARSI, INFORMARSI, ALLEARSI

L’alleanza scuola-famiglia è fondamentale così come è necessario promuovere corsi di formazione per i docenti, come ad esempio ha fatto Ai.Bi (Amici dei Bambini) in Campania. Se sei un insegnante attento ai bisogni dei tuoi alunni, un genitore adottivo o se semplicemente sai che l’adozione internazionale è un modo bellissimo di essere genitore e una ricchezza per la società, vai su  https://bit.ly/2pwXvsC e scarica le linee guida del MIUR per il diritto allo studio dei minori adottati.